Quali sono le sfide che hanno oggi davanti gli operatori del retail?

Uno dei timori più diffusi, ed infondati, dei retail è che il negozio diventi lo showroom per le vendite di qualcun altro. I dati di mercato mostrano che non è così. I punti vendita funzionano e hanno un brillante futuro, ma solo se implementano la strategia giusta. Per farlo devono ripensare il ruolo dello spazio fisico, non in antitesi all’e-commerce, o in competizione ad esso, piuttosto quale luogo di conversione della strategia di branding e di supporto di altri canali di vendita.

Non a caso il più grande retailer del mondo, WalMart, sta crescendo di molto (30%) le proprie vendite online sfruttando la propria presenza fisica in diversi modalità, incluso il click & collect.

I clienti gradiscono l’uso del digitale, soprattutto mobile, per raccogliere informazioni sui prodotti, prima, durante e dopo l’acquisto.

Oggi la pubblicità tradizionale è in calo continuo, ma cresce la domanda di contenuti (informazioni, recensioni, tutorial, idee d’uso, ecc…) sia on-line che all’interno del negozio. Una ricerca di L2 mostra il tasso di conversione in 4 scenari: senza uso del digitale da parte del potenziale cliente, prima di andare in negozio, in negozio, e sia prima che in negozio. In ordine si va dal 61%, 73%, 78% fino all’86%. Quando il consumatore ha la possibilità di accedere a contenuti digitali prima e durante la vita del punto vendita la percentuale di acquisti aumenta di un significativo 25%!

Fornire contenuti digitali di qualità è la strada da seguire, a patto che questi siano parte integrante del percorso di vendita e non un silos separato. Cosa serve Quindi? Una strategia consistente che coinvolga management, retail, marketing, online e customer care.

Gruppo Sintesi lavora con clienti leader nel settore del fashion e del lusso e da questo osservatorio privilegiato nota alcuni trend importanti: competenza, scalabilità e accountability. La competenza, l’ownership e quindi anche il budget dei progetti di innovazione digitale oggi le troviamo nel marketing, nella direzione retail o ancor più nel consiglio di amministrazione, e sempre meno nei sistemi informativi, che hanno il compito di abilitare ed implementare le decisioni prese.

Il ruolo di Gruppo Sintesi è quello di conciliare linguaggi diversi e tradurre esigenze di business in implementazioni tecniche che rispettino i moderni standard IT in termini di best practice, sicurezza, gestione operativa ed efficienza energetica

La scalabilità è altrettanto importante: i brand oggi sono globali e lo stesso vale per i processi di digitalizzazione. Si tratti di copertura wireless, schermi per il digital signage o app per interagire in modo efficace con il cliente, la richiesta è di progetti a copertura internazionale o mondiale.

Proprio perché la strategia digitale è “core” non è intelligente implementarla a macchia di leopardo, oltre che poco conveniente poiché vengono meno le economie di scala.

Non è facile per le multinazionali italiane conciliare i modus operandi e la forma mentis delle filiali estere, e sempre più spesso ci viene chiesto aiuto per avere un livello soddisfacente di uniformità implementativa e manutentiva nelle varie aree geografiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *