Case Study Auchan

Auchan Italia, realtà operante nel settore della grande distribuzione, ottimizza la gestione della merce e arricchisce l’esperienza di acquisto dei clienti

Sfida

Auchan S.p.A. è parte del gruppo Auchan, la società operante nel settore della grande distribuzione fondata in Francia nei primi anni ’60. Il gruppo è diventato uno dei leader mondiali della grande distribuzione operando con la formula dell’ipermercato e quella del supermercato (in ambito alimentare) e arrivando a essere presente in 13 paesi nel mondo, con 1375 tra ipermercati e supermercati dislocati in Europa e in Estremo Oriente. Nel 2011 ha fatturato 44 miliardi di euro e il gruppo ha circa 270.000 dipendenti in tutto il mondo.

Con sede centrale a Milano, la divisione italiana del gruppo Auchan gestisce 51 ipermercati. Auchan S.p.A si vanta di offrire ai suoi
clienti i più moderni e convenienti metodi di acquisto, come l’aggiornamento dinamico delle informazioni relative ai prodotti e nuove
possibilità di pagamento. Per migliorare il livello di servizio ai suoi clienti, Auchan Italia voleva intervenire sui propri processi operativi con l’obiettivo di far trovare sempre sugli scaffali il prodotto giusto al giusto prezzo.

Raggiungere questi obiettivi significava sostituire articolati processi di gestione, che non sempre erano in grado di seguire e/o anticipare i mutamenti delle richieste dei clienti, e che richiedevano molte attività manuali da parte degli operatori presenti in negozio e nei depositi. «Se un punto vendita richiede alcuni prodotti e non ottiene quanto desidera, significa per noi perdere un’opportunità di vendita» spiega Marino Vignati, IT Manager di Auchan Italia.

«I clienti sono il più delle volte molto affezionati ai loro prodotti preferiti; se non riescono a trovarli esposti sugli scaffali rimangono
di conseguenza delusi». Oltre a ottimizzare i processi relativi al rifornimento delle merci, Auchan Italia intendeva anche passare dall’etichetta prezzo cartacea a quella elettronica, e introdurre il pagamento self-service dei clienti in modo da ridurre le code alle casse. Il nuovo ambiente IT doveva anche favorire, da parte del personale di negozio, il reperimento veloce delle informazioni commerciali come prezzi e promozioni.

Soluzione

A fronte della necessità di modernizzare la propria infrastruttura IT, Auchan Italia ha optato per una soluzione Cisco stand-alone anziché un modello basato su molteplici dispositivi autonomi. La scelta è così caduta su una soluzione Connected Retail® di Cisco e installata da Gruppo Sintesi, un partner di fiducia specializzato nell’implementazione e nell’integrazione di sistemi.

Gruppo Sintesi ha messo in evidenza a Auchan il fatto che Cisco non consiglia mai prodotti stand-alone, preferendo invece l’implementazione di soluzioni integrate e end-to-end affinché i partner possano focalizzarsi sulle esigenze presenti e future dei loro clienti, garantendo la protezione degli investimenti su quanto installato.

«Siamo molto soddisfati dei servizi che Gruppo Sintesi ci ha fornito» conferma Vignati. «Si tratta del nostro principale consulente per le decisioni relative alla rete locale e geografica. Hanno tutta la gestione del nostro hardware e software, ci supportano nei progetti di
rete e ci mettono a disposizione servizi gestiti altamente affidabili».

«Oltre a garantire la protezione degli investimenti, l’architettura integrata di Cisco ha consentito di pianificare l’introduzione della collaborazione video, e ha intensificato l’utilizzo dei dispositivi wireless in tutte le attività di business» conferma Vignati.

La soluzione Connected Retail di Cisco adottata, che permette la comunicazione via cavo e wireless veloce e sicura, è basata su Cisco Borderless Network, che comprende gli switch Cisco Catalyst® serie 6500 e gli Access Point, dispositivi di controllo serie Aironet e Cisco ASA Adaptive Security Appliance.

Cosa ancora più importante, ha consentito ad Auchan Italia di integrare la gestione operativa dei punti vendita con la visualizzazione su display dei dati relativi ai prodotti identificati dagli scanner portatili. La visione in tempo reale della catena di fornitura assicura
una miglior gestione del magazzino e minimizza i rischi di errore nella prezzatura e di esaurimento delle scorte.

«Prima gli addetti del punto vendita dovevano continuamente controllare gli scaffali per raccogliere informazioni sui prezzi e sugli stock dei prodotti» spiega Vignati.

«Successivamente sarebbero andati in ufficio per scaricare i dati raccolti dagli scanner e avrebbero controllato le discrepanze tra i prezzi esposti alla clientela e quelli registrati alle casse. Fortunatamente questo lungo e articolato processo di lettura, stampa, controllo e variazione ora non è più necessario. E tutto questo grazie alla possibilità di lavorare in modalità on-line tramite wireless».

Progettata per consentire un’esperienza di visualizzazione video ottimale, questa rete altamente scalabile ha inoltre contribuito a
rendere più agevole l’introduzione di Cisco TelePresence® negli ipermercati.

Risultati

Auchan Italia ha risparmiato circa il 40% sui costi di trasferta grazie a un maggiore utilizzo della collaborazione video. Le riunioni ordinarie e straordinarie sono ora assai più facili da gestire. Cisco TelePresence si sta rivelando davvero utile per i responsabili dei punti vendita e per i vari responsabili settoriali della sede centrale di Milano, che utilizzano regolarmente i sistemi di videoconferenza per briefing, riscontri operativi e per ottimizzare i tempi decisionali.

Vignati è convinto inoltre che la soluzione abbia avuto un significativo impatto positivo sull’impronta ambientale dell’azienda e sulla qualità della vita dei dipendenti. L’anno scorso nei primi sei mesi dell’anno è volato a Parigi 20 volte; quest’anno è dovuto andarci una sola volta.

«Ogni viaggio solitamente implica partenze la mattina presto e rientri la sera tardi. Grazie alla Telepresenza siamo più produttivi e riusciamo a trascorrere più tempo con le nostre famiglie».

I responsabili vendite di ciascuna area utilizzano la Telepresenza una volta alla settimana per pianificare e
discutere i risultati ottenuti. Le trasferte diventano così necessarie solo per la verifica fisica dei punti vendita o per controllare le modalità di esposizione della merce sugli scaffali.

Anche altri processi gestionali fondamentali hanno tratto beneficio dall’adozione della soluzione. Ad esempio, Vignati attribuisce alla
nuova rete di comunicazione Connected Retail un 30% di risparmio del tempo necessario per l’inventario.

«Stiamo lavorando a un nuovo processo di svolgimento dell’inventario che viene effettuato un paio di volte l’anno almeno in ogni ipermercato» commenta Vignati.

«Quello che possiamo ipotizzare dai primi risultati è una sostanziale riduzione delle risorse, persone e tempo necessarie per lo svolgimento di questa attività. Con 51 punti vendita che eseguono l’inventario due volte all’anno almeno, il risparmio minimo annuale potrebbe ammontare a circa 4000 ore lavorative».

«Stiamo assistendo a un aumento della produttività anche in altri settori. Lavorando via wireless, per esempio, siamo in grado di
procedere al rifornimento di un ipermercato dal magazzino il giorno stesso della richiesta» conferma Vignati.

Per quanto riguarda il rifornimento del punto vendita il processo è notevolmente cambiato, in quanto invece di stampare le liste per
controllare i rifornimenti e annotare su carta le note necessarie, i dipendenti del punto vendita vengono guidati dal sistema.

Ricevono istruzioni sui loro dispositivi wireless e, invece di dover leggere codici da 13 cifre, semplicemente effettuano la scansione del codice a barre dei prodotti, rimuovendo il rischio potenziale di errore umano.

La visualizzazione in tempo reale della catena dei rifornimenti ha anche trasformato il modo di prendere decisioni. «I nostri responsabili di reparto possono accedere al sistema di gestione vendite direttamente in corsia, decidendo eventuali variazioni e integrazioni su quanto ordinare per il proprio negozio» dice Vignati.

Allo stesso tempo, la connessione Wi-Fi sta migliorando l’esperienza di acquisto dei clienti dei supermercati Auchan grazie all’installazione di dispositivi per la scansione autonoma del codice a barre e la possibilità di provare molti dispositivi e apparecchi elettronici prima dell’acquisto, quali tablet e smart TV. L’azienda guarda ora ai vantaggi commerciali ottenuti grazie all’installazione di Cisco Digital Media System.

Vignati sintetizza così: «Abbiamo completamente rivisto i nostri processi produttivi. I dipendenti possono confrontare istantaneamente i prezzi esposti con quelli inseriti nel sistema centrale utilizzando i terminali Wi-Fi, e la produttività nei punti vendita e nei magazzini ha risentito positivamente dell’introduzione di queste soluzioni».